lunedì 11 novembre 2019

Dissecting Identity Politics with Gilad Atzmon

Tonight's get we have world renowned jazz musician, author, and political activist Gilad Aztmon joining us to dissect and examine identity politics. We will focus mainly on the Jewish Identity which he has been a huge critic of. This will naturally segue into Zionism, Israel, and other relevant topics.

Chris Hedges on "Israel's War on American Universities" Full Event

Raw Footage: Chris Hedges Speaks in Support of the Now Banned Students for Justice in Palestine Chapter at Northeastern University

First they came for Assange: Yanis Varoufakis & Srećko Horvat, Bozar, Brussels, June 2016 | DiEM25

As part of a unique global event "First they came for Assange..." which on the 19th of June 2016 simultaneously took place in 14 cities worldwide, Brussels' Theatre Bozar marked the 4th anniversary of Julian Assange's political asylum at the Ecuadorian Embassy in London. Join us in this exciting discussion between Greece's former minister of finance Yanis Varoufakis and Croatian philosopher Srećko Horvat, founders of the Democracy in Europe Movement (DiEM25), on the importance on whistleblowers, transparency and democracy, moderated by Lautrent de Sutter. For more info visit: www.freeassangenow.org

Nel segno dell’odio buonista ----- MIGRANTI KALERGI O MIGRANTI ONU? ----- Migrazioni, chi ci guadagna, chi ci rimette, di Fulvio Grimaldi




A forza di una costante concentrazione della proprietà fondiaria  immobiliare, l’Irlanda invia il suo surplus sul mercato del lavoro inglese e così spinge verso il basso i salari e deprime la posizione materiale e morale della classe operaia inglese. Ogni settore industriale e commerciale in Inghilterra registra oggi una classe operaia divisa in due campi ostili, proletari inglesi e proletari irlandesi. Questo antagonismo è alimentato artificialmente dalla stampa, dal clero, dai vignettisti, insomma da tutti i mezzi a disposizione della classe dirigente. Questo antagonismo è il segreto dell’impotenza della classe lavoratrice inglese ed è il segreto grazie al quale i capitalisti mantengono il loro potere…. E impediscono l’indipendenza dell’Irlanda…” (Karl Marx, lettera a Sigfried Meyer, 1870)

Sostituite, nel testo di Marx, a Irlanda, Africa o Bangladesh e, a Inghilterra, Europa, o meglio, Italia e siete in piena attualità.

Accoglienza senza se e senza ma. Come detta il Deep State
Ci bombarda peggio che Dresda, da anni, la forsennata campagna a favore dell’accoglienza senza se e senza ma e quella di feroce virulenza (altro che “odio”) contro chi la considera una minaccia ai paesi di partenza come a quelli di arrivo. “il manifesto” ne è la fastidiosissima mosca cocchiera di tutte le italiote voci del guerrafondaio e globalista Governo Parallelo Usa, o Stato Profondo, quello che politicamente si esprime nel Partito Democratico. In un numero recente, per trequarti dedicato alla questione, rovescia vituperi contro coloro che vedono una nazione “corrotta dalla teoria del gender e alla soglia di una sostituzione etnica ordita da burattinai internazionali (George Soros naturalmente)”. Tra questi reprobi da Nono Cerchio dantesco (Traditori) ci troviamo dannati anche noi. Noi che riteniamo abietto il percorso forzato della partenza dal paese, migrazione, accoglienza e dispersione a raccogliere pomidori, dirigere spaccio di droga e prostituzione, sderenarsi per Amazon, chiedere mezzo euro sul marciapiede. Tutto per fare dumping su condizioni e diritti dei lavoratori tutti, creando al contempo il sempiterno diversivo capitalista della guerra tra poveri.

Terrapiattisti e altri complottisti


Vorrei evitare di essere subito bruciato come terrapiattista, che non sono, o visionario di scie chimiche, di cui non so, o negatore dello sbarco sulla Luna, su cui rifletto (vedi il destabilizzante documentario di Massimo Mazzucco), o addirittura come assertore di attentati autogestiti da coloro che ad altri li attribuiscono, che rivendico di essere, con vasta logica e conoscenza di causa. Quindi non mi rifarò alle teorie di Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi (1894-1972) e al piano per sostituire agli europei masse di africani ed asiatici, sotto il ferro dominio di un’élite aristocratico-ebraica, chiamato sostituzione di popoli. Basterebbe il richiamo al parallelo tra quel piano e quanto sta accadendo in questi decenni e alla forzosa omologazione di tutte le identità storiche e culturali (Pasolini), promossa con rabbioso accanimento dalle stesse forze legate al globalismo di cui sopra, per finire ai ceppi in cui già si dibattono tanti “complottisti”. Anche per merito del giustiziere di sistema Umberto Eco (Il Pendolo di Foucault). Gente, per dire, che si va chiedendo (cosa politicamente scorretta) con quali mezzi indecifrabili (o piuttosto indecifrati) una consorteria di pochissimi riesca a metterla sistematicamente in quel posto ai tantissimi.

Per schivarne condanna ed esecuzione ho però un argomento formidabile a cui far riferimento: l’ONU. Già, proprio quell’organismo supremo  della collaborazione tra i 193 Stati del mondo (essenzialmente tra cinque, gli altri fanno scena). Ebbene, pensate come si scapoccerebbero coloro che brandiscono il lanciafiamme contro i complottisti alla Kalergi, se scoprissero che perfino l’ente supremo, l’organo che dirime, pacifica, concilia, rende giustizia e verità, la pensa, anzi la fa, come il vituperato austriaco? L’organismo i cui Caschi Blu stanno a guardia dei terroristi Hezbollah in Libano, sovrintendono acchè nessuno si faccia male in Somalia o Kashmir, fa in modo che masse di facinorosi ad Haiti non sovvertano l’ordine costituitovi dai Clinton. Insomma quell’ONU, la cui esistenza ci assicura quel poco di equità, democrazia e libertà che i cattivi hanno concesso ai popoli.


Ce lo chiede l’ONU
Un rapporto ufficiale emanato dell’ONU, Divisione Popolazioni e Dipartimento degli Affari Economici e Sociali, il 16 marzo 2000, e di cui si raccomanda l’adozione-implementazione da parte degli Stati, si intitola “Migrazione di sostituzione, è la soluzione per popolazioni declinanti e invecchianti?” E risponde: “La migrazione di rimpiazzamento (Replacement Migration) è la migrazione internazionale che a un paese occorrerebbe per prevenire il declino e l’invecchiamento che risultino da bassa fertilità e alta mortalità”. Poi, azzardando fantasiose, ma forse strumentali previsioni, secondo cui entro il 2050 tutti i popoli europei decadranno biologicamente, cioè avvizzeranno e ammuffiranno, essi perderanno tra un quarto e un terzo della popolazione. L’Italia perderà, in termini relativi, il 28% della sua popolazione tra il 1995 e il 2050; l’età media salirà dagli attuali 41 a ben 53 anni e ci sarà il dimezzamento delle persone in età lavorativa in grado di sostenere quelle anziane. Catastrofe! Che fare? Ecco cosa dice l’ONU:

Il declino delle popolazioni è inevitabile in mancanza di migrazione di sostituzione. La fertilità potrebbe aumentare nei prossimi anni, ma, non essendo previste dal rapporto misure sociali – quando mai - per passare dall’austerity che impoverisce, dal 5G che sterilizza i maschi, all’eguaglianza nella distribuzione della ricchezza, delle case, del lavoro e degli asili nido e a un ambiente che non decima la gente, questo non si verificherà. Di conseguenza sarà necessaria, per evitare questo declino, una certa misura di immigrazione.

O migranti o morte

Tuttavia, il numero di migranti che occorrono per salvarci sarà considerevolmente più elevato di quanto finora previsto, in particolare per sostituire la popolazione in età lavorativa. Manco l’avesse letto a colazione, la scorsa mattina la Confindustria, in affanno per mancanza di lavoratori e abbondanza di offerta fornita dalla nostra esuberante crescita, ha dichiarato: “Servono più migranti!”. Vale soprattutto per l’Italia, a cui necessita, secondo il rapporto ONU, che nel 2050 fosse di immigrati il 39% della popolazione, con un ritmo, dal 1995, di 6.500 almeno all’anno per milione di autoctoni. Chi l’avrebbe detto… Mentre chi ha bisogno di molto meno, sono gli Stati Uniti, appena 1.300 per milione. Chi l’avrebbe detto…..


Ufficializzato, riscattato alla democrazia e solennizzato dall’ONU il fin qui famigerato “Piano Kalergi” non ci resta che aspettare con una certa soddisfazione che dal “manifesto” e da Orfini, Zanotelli, Bergoglio in su, tutti riconoscano che il detestato piano ha avuto l’altissimo riconoscimento dall’organismo universale in cui tutti ci riconosciamo. A noi non rimane che attirare lo sguardo sui mezzi e metodi con i quali l’Occidente della democrazia e del diritto internazionale si adopera coscienziosamente per facilitare il piano, ormai legittimato  in altissimo loco.

Indebitare per far emigrare
Prescindiamo da coloro che, provenendo da Siria, Afghanistan, Asia Occidentale, Somalia, Yemen, Libia, fuggono dalle bombe, spesso prodotte in Europa, o dalle sanzioni affamatrici, tutte inflitte dall’Occidente. Se chiedete ai migranti per quale motivo hanno affrontato l’abbandono della propria comunità, patria, famiglia, storia, identità e poi, in barca, l’appuntamento con la nave dell’Organizzazione Governativa, ma privata, per infine farsi maltrattare e sfruttare a sangue in Italia, uno su uno risponderà: “Ho pensato a mio padre e a mia madre, ai miei fratelli grandi e piccoli. Ecco perché il deserto, il mare, l’Europala schiavitù”.



Un’inchiesta dell’ONU ha accertato che, a dispetto dei 10 euro al giorno sui campi, il 97% degli africani accetterebbe il rischio di ripetere il viaggio. Anche a dispetto dell’inestinguibile dolore per le perdite che l’abbandono provoca. Abbandono che l’Europa, o piuttosto il suo sistema economico colonialista, impongono. Con le O(N)G che blandiscono i partenti e convogliano nella semischiavitù gli arrivati? Non solo. Non soprattutto. Il rapporto UNDP ci dice anche che il 58% dei migranti africani a casa aveva un impiego e guadagnava discretamente, o stava a scuola. Ciò che li ha convinti a partire, a parte i missionari di ogni risma, era l’insicurezza dei propri paesi e l’idea che altrove avrebbero guadagnato di più. Le loro famiglie si erano svenate per tirarli su e, perciò, il 78% degli immigrati manda soldi a casa. Così l’Africa sub-sahariana riceve oggi più valuta estera da queste rimesse, che non da investimenti stranieri. Nel 2018 le rimesse furono di 48 miliardi di dollari, il 10% in più dell’anno prima.

Debito, il motore dell’emigrazione
All’origine, la finanza occidentale. Quella che, attraverso gli industriali, invoca più migranti. Nel periodo della decolonizzazione, l’Africa, depredata delle sue ricchezze dal colonialismo occidentale, ha dovuto indebitarsi pesantemente per avviare un minimo di sviluppo. Ricchi fondi, ma grazie alla manipolazione del debito denominato in dollari dal LIBOR (tasso di credito interbancario di Londra) e ai tassi d’interesse usurai del Tesoro Usa, si avvia un periodo di austerità e sofferenza. Non ci si può illudere di pagare, o anche solo ridurre il debito, nella misura in cui le multinazionali continuano a rubare le risorse africane, senza neppure essere sottoposti a un minimo decente di tasse. Nel 2014 si verifica lo shock dei prezzi delle materie prime e la crisi del debito si aggrava. Secondo la Banca Mondiale, metà dei 54 Stati americani lottano con un rapporto debito-PIL di oltre il 60%. Il debito privato ammontava a 110 miliardi nel 2017. Aggiungi al debito e al collasso economico-sociale che comporta la crisi climatica, dall’Occidente provocata, e, di più, il furto di terra dell’agrobusiness, è capirai perché l’Occidente capitalista non abbia mai abbandonato il progetto di ripristinare la schiavitù e cancellare quanto ha dovuto concedere ai propri subordinati nel corso di due secoli.


Senza odio niente buonismo
Conseguenza di tutto questo, un generale degrado della situazione sociale, con la caduta dei livelli di istruzione e salute e il mancato accesso al credito per le medie e piccole imprese, vitali per la sopravvivenza della società. Da cui milioni di persone alla ricerca di migliori occasioni di guadagno, famiglie e interi paesi che sopravvivono a stento grazie alle rimesse degli emigrati. Sono l’elemento strutturale del sistema finanziario colonialcapitalista al suo interno e all’esterno. Ne prosperano trafficanti, traghettatori, caporali, Grande Distribuzione, industriali e tutti coloro che si definiscono “umanitari”. Il povero richiama la tua colpa. Lo devi per forza odiare. Il buonismo dell’accoglienza è la massima espressione dell’odio. Per Kalergi e la sua derivazione ONU non poteva andar meglio: una società di mescolati senza retroterra e quindi senza nome e senza futuro, al comando di un’élite, oggi oltre tutto dotata di incommensurabili poteri di sorveglianza, convinzione, punizione, con in mano il mondo e un futuro grosso così perché ci ha messo dentro anche quello rubato.


Quando a noi, l’ultima trovata per africanizzarci eccola qua: abolizione del contante e botte Chi esercita odio? Chi è razzista?